Trova Negozio
Area Riservata

Una vitale alleanza per un futuro sostenibile

Agricoltura biologica e agricoltura biodinamica

L’agricoltura biologica mette al centro il benessere e la salute dell’uomo, degli animali e della terra, tra i quali esiste una “vitale alleanza” in nome di un futuro sostenibile per tutti.

È un sistema di produzione agricola che non utilizza prodotti chimici di sintesi (fertilizzanti, diserbanti, insetticidi, anticrittogamici) per la concimazione dei terreni, per la difesa dalle infestanti, dai parassiti animali e dalle malattie delle piante.

Ricorre a pratiche tradizionali, utilizzate prima dell'industrializzazione dell'agricoltura, come la scelta di varietà rustiche, magari meno produttive, ma più resistenti alle avversità e più adatte ai diversi ambienti, la rotazione delle colture e l’utilizzo del letame per fertilizzare il terreno, ma su esse innesta esperienze scientifiche e competenze nuove (ricorso agli insetti utili e agli altri antagonisti naturali, false semine, inerbimento) e, necessariamente, una maggior attenzione e cura.

È un agricoltura in assoluta antitesti con gli Organismi Geneticamente Modificati e la pericolosa semplificazione che vogliono introdurre in un’attività complessa e “vitale” come l’agricoltura.

Nell'agricoltura biologica gli animali vengono allevati in ampi spazi, con densità limitata e regolare accesso ai pascoli; la loro alimentazione è basata su foraggi biologici; se servono cure, sono essenzialmente omeopatiche e naturali (fatte salve le obbligatorie vaccinazioni).

Per preservare la fertilità e mantenere l’equilibrio biologico del suolo e della microfauna vengono adottate tecniche di lavorazione che migliorano la struttura del terreno come i sovesci, le consociazioni e il compostaggio dei resti delle coltivazioni. Si introducono inoltre siepi e alberature, si fa uso di rotazioni e avvicendamento delle colture, oltre all'inerbimento. Si evitano le arature profonde tipiche dell’agricoltura convenzionale che sconvolgono la struttura del suolo.

L’agricoltura biodinamica affianca alle tecniche del metodo biologico gli insegnamenti di Rudolf Steiner (1861-1925), consolidati in decenni di sperimentazione. L’azienda biodinamica è considerata un organismo vivente, in cui la produzione vegetale si integra con l’allevamento animale, che fornisce il giusto concime per le coltivazioni. Tiene conto dei cicli astronomici e lunari e prevede il trattamento del terreno con preparati a base di sostanze naturali e letame, per incrementare la sua vitalità e le sue difese.