Trova Negozio
Area Riservata

Chi siamo

Iscriviti alla newsletter

Trova il
negozio


Cuorebio card

Molte anime e un Cuorebio, anzi due

Coop. Rava e fava – Asti

Non sono pochi 60 chilometri, la distanza Asti-Torino da percorrere per procurarsi frutta e verdura biologica. Ma non c’era alternativa per chi, residente ad Asti e dintorni, nei primi anni ottanta, aveva fatto una precisa scelta a favore dell’ambiente e del proprio benessere. Qualcosa però, proprio in quel periodo, iniziava a muoversi, una nuova sensibilità si stava affermando anche in quell’angolo di Piemonte, grazie al convergere di molte forze. Oltre all’anima ambientalista ed ecologista, c’era quella sociale, rappresentata da un "Gruppo autogestito disoccupati e sottoccupati" che aveva l’obiettivo di creare una cooperativa e quella di esperti dell’alimentazione – genitori e insegnanti – che nei primi anni ottanta stavano portando avanti un progetto di educazione alimentare nelle scuole, compresa l’idea di una mensa bio.

Nasce così, nel 1986, dall’unione di queste diverse anime, una cooperativa che riesce con i primi 60 soci, presto saliti a 200, nel duplice intento di aprire un negozio biologico ad Asti, che ne era sprovvista, e di creare nuove opportunità di impiego. Si chiama, guarda caso, “La rava e la fava”, espressione dialettale piemontese che significa “per filo o per segno”: un richiamo al legame con la terra che animava i fondatori, ma anche alla determinazione a voler fare tante cose e per bene. Obiettivo numero uno era quello di valorizzare i prodotti tipici e biologici locali attraverso un vero e proprio censimento nelle campagne: si andava su è giù per le colline del Monferrato, si conoscevano i produttori, si offriva uno sbocco commerciale ai loro prodotti, li si invitava a diventare soci della cooperativa.

Ancora oggi la Coop. Rava e fava è un luogo privilegiato di incontro tra città e campagna, ma è diventata anche Bottega del mondo, per diffondere il commercio equo e solidale, Bottega della solidarietà, per promuovere progetti di Economia Sociale e Bottega della finanza etica, con lo “sportello prestito sociale” del Gruppo Mag.

Oggi conta oltre 1400 soci: una crescita straordinaria frutto di una grande vitalità sul territorio che l’ha portata a farsi conoscere ovunque si parli di biologico, di commercio equo, di finanza etica. Una crescita con cui ha allargato la propria rete di contatti e il proprio raggio d’azione, prima trasferendo ed ampliando lo storico negozio degli inizi (nel 2008) in Piazza Torino, poi progettando l’apertura di un altro punto vendita Cuorebio nella zona est di Asti: una seconda sede che inaugura a novembre 2010, dal quale diffonderà il proprio messaggio di sostenibilità e solidarietà rivolto a tutta la città, con ancora più forza.