close

Your shopping cart is empty.

Don't hesitate and browse our catalog to find something beatufiul for You!
    close
    close

    Your wishlist is empty.

    Don't hesitate and browse our catalog to find something beatufiul for you!

      Ogni estate ci scandalizziamo per il fenomeno del caporalato che, in un modo o in un altro, sale alle cronache. In realtà ci sentiamo di dire che il caporalato è un fenomeno estremo che però evidenzia un tema drammatico che riguarda la situazione generale di tutta o quasi tutta l’agricoltura mondiale: il tema dei prezzi che vengono pagati agli agricoltori per i prodotti agricoli. Negli ultimi cento anni i prezzi dei prodotti agricoli sono andati gradualmente calando in relazione ai prezzi degli altri beni di consumo e dei servizi.

      Questo ha forzato in qualche modo gli agricoltori a ricorrere a tecniche che permettessero una riduzione dei costi di produzione, come la monocoltura, possibile solo con il sostegno della chimica di sintesi, la sempre più sofisticata e pesante meccanizzazione ed il ricorso a sementi che garantissero elevate rese produttive sempre più standardizzate. Se tutto ciò ha avuto l’indubbio vantaggio di aumentare la produzione agricola e abbassare i prezzi anche al consumo, ha avuto l’effetto, in sé endemico, di inquinare i suoli, le acque e l’atmosfera, di impoverire i terreni della loro fertilità, di abbassare enormemente la qualità del nostro cibo. L’ultimo, e più eclatante effetto di tutto ciò, è il ricorso da parte di alcuni agricoltori a manodopera a basso costo per sostenere un minimo equilibrio economico finanziario.


      Un percorso virtuoso alternativo è possibile.
       

      L’agricoltura biologica e Biodinamica è un sistema consolidato da decenni e ci sono sufficienti conoscenze ed esperienze per produrre un cibo di alta qualità nutrizionale, ma anche per curare la salute e la vita del nostro pianeta. Affinché ciò possa realizzarsi opportunamente, e gli agricoltori non siano forzati a pratiche socialmente scorrette, è necessario che oltre ad una loro presa di coscienza ed ad una loro formazione conoscitiva, venga riconosciuto un GIUSTO PREZZO per i loro prodotti.


      Chi può riconoscere il GIUSTO PREZZO è a tutta prima il commerciante, ma la sua azione non potrà essere realmente efficace e duratura nel tempo, se non sarà sostenuta da una comunità di consumatori che condividono e sostengono questo processo con la loro scelta consapevole di consumo.

      Affinché si possa creare nel tempo questa COMUNITÀ CONSAPEVOLE tra produttori, commercianti e consumatori, interessati alla propria salute, alla salute della Terra e della società nel suo complesso pensiamo sia necessario iniziare dalla TRASPARENZA.

      Per questo, in modo forse un po’ provocatorio, abbiamo coniato questa immagine che ci evidenzia cosa sottende a un prezzo troppo basso e qual è il costo che altri devono pagare al nostro posto e come conseguenza delle nostre scelte di consumo.

      Pensiamo che in questo modo possa iniziare a sorgere un vero sentimento di FIDUCIAECONOMICA tra persone che hanno a cuore, non solo il proprio benessere, ma anche quello del nostro pianeta e della nostra società di oggi e di domani.


      Fabio Brescacin
      Presidente EcorNaturaSì


      * Pomodoro da passata Fattoria Di Vaira, Azienda Agricola Biodinamica San Michele
      ** Fonte: Federbio
      *** Fonte: Contratto quadro area nord Italia pomodoro industriale accordo 2018